Implantologia

 

IMPLANTOLOGIA

"INSERIMENTO DI MATERIALE ALLOPLASTICO (ESTRANEO- PRODOTTO
ARTIFICIALMENTE)"E CONSEGUENTE SUA OSTEO INTEGRAZIONE (DAL LATINO OS=OSSO
E INTEGRAZIONE=FUSIONE DI PIÙ' ELEMENTI IN UN TUTT'UNO) ALLO SCOPO DI POTER
ESSERE SOTTOPOSTO A CARICO MASTICATORIO"

Scopo di tale tecnica chirurgica è quello di migliorare, attraverso l'ancoraggio di un impianto
all'osso, la riabilitazione estetica e funzionale della masticazione conservando il più possibile
l'integrità delle strutture vicine quali denti e gengiva


Il campo delle applicazioni cliniche:

-Perdita di un singolo dente che normalmente richiederebbe l'attuazione di un ponte con
implicazione degli elementi dentali vicini
-Perdita di denti molari monolaterali che richiederebbero l'attuazione di una protesi scheletrata
data la mancanza di un ancoraggio posteriore
- Perdita di tutti i denti che verrebbe trattata con l'esecuzione di una protesi totale

Oggi si è ampliato nella casistica, grazie alla continua sperimentazione clinica che ha reso possibile la
standardizzazione di alcune metodiche chirurgiche atte a superare quegli ostacoli che nella quasi
totalità dei casi erano riconducibili ad una mancanza o scarsa presenza di osso nella sede deputata
all'impianto:

1-innesto di tessuto osseo autologo (mediante prelievo retromolare-sinfisario-crestale iliaco-
tibiale-tecale cranico radio od ulnare)

2-rigenerazione guidata di tessuto osseo (TCP-HA-BMP)
3-sinus lift ( limite anatomico superiore rappresentato da quella cavità aerea denominata
seno mascellare)
4- trasposizione del seno mascellare (limite anatomico inferiore rappresentato da un canale
osseo all'interno del quale decorre il nervo alveolare inferiore